OIKOS SCRL

  /  newsletter   /  COMUNICATO STAMPA ACCREDIA – MISURE PER EMERGENZA CORONAVIRUS

COMUNICATO STAMPA ACCREDIA – MISURE PER EMERGENZA CORONAVIRUS

“L’epidemia COVID 19 sta impattando in maniera significativa sulle nostre attività produttive e sui servizi erogati. Anche gli audit di certificazione sono influenzati da questo contesto inedito che in alcuni casi può avere impatti importanti sull’operatività stessa delle aziende certificate.
Per venire incontro alle esigenze, ACCREDIA – l’Ente Italiano di Accreditamento – ha reso possibile l’esecuzione di audit in remoto, sfruttando le attuali e più comuni risorse tecnologiche di comunicazione. Si consiglia alle aziende certificate che hanno in previsione audit di certificazione, sorveglianza o di rinnovo di prendere contatti con il proprio Ente di Certificazione per concordare la modalità di audit prescelta.”

 

Alleghiamo il comunicato stampa di Accredia.

 

COMUNICATO STAMPA DEL 20/03/2020

ACCREDIA: Verifiche da remoto, rimodulazione delle scadenze, smart working e coordinamento della task force internazionale per gestire l’emergenza.
Queste le misure messe in campo dall’Ente unico italiano di accreditamento per fronteggiare la pandemia da Coronavirus

Roma, 20 marzo 2020 – A seguito dell’emergenza legata alla diffusione del Covid-19, Accredia ha adottato una serie di misure, con il consenso di tutte le parti coinvolte, con l’obiettivo di tutelare la salute di dipendenti, collaboratori e operatori dei soggetti accreditati e al tempo stesso assicurare la continuità del servizio di valutazione della conformità, nell’interesse di Autorità di Governo, filiere produttive e cittadini.

L’Ente ha pertanto deciso di collocare oltre il 90% del personale in modalità smart working e ha adottato misure, nel rispetto delle linee guida emanate dagli Organismi Internazionali (ILAC, IAF, ed EA), rivolte ai soggetti accreditati o in corso di accreditamento – Organismi di certificazione ispezione e verifica e Laboratori di prova e taratura.

  • Verifiche condotte da Accredia: l’Ente ha disposto che queste siano effettuate “da remoto”, con il supporto dei sistemi informatici, per contenere al massimo gli spostamenti e tutelare la salute e la sicurezza degli Ispettori Accredia e del personale dei soggetti accreditati. E questo, con il pieno consenso di Laboratori e Organismi. Dall’inizio della fase emergenziale nessuna visita ispettiva è stata imposta e tutte le attività sono state svolte con il consenso dei destinatari delle verifiche.

Solo in casi eccezionali, non rimandabili e opportunamente documentati, potranno esser svolte verifiche sul campo, con l’accordo e la disponibilità di tutte le parti coinvolte e nel rispetto delle disposizioni di legge sulle distanze interpersonali e i comportamenti da adottare. Per tutti gli altri casi si privilegiano riunioni via internet, teleconferenze e comunicazioni via telefono o altri mezzi elettronici.

  • Verifiche condotte dai soggetti accreditati, e in particolare dagli Organismi di certificazione ispezione e verifica, viene privilegiata la modalità “da remoto”, laddove possibile, altrimenti, in linea con le Linee Guida IAF ID03, le attività di certificazione possono essere posticipate di 6 mesi, senza la perdita di validità dei certificati emessi, salvo sia stato disposto un regime differente da autorità pubbliche o proprietari di schemi di certificazione specifici.

Accredia, inoltre, sta partecipando a livello internazionale per la definizione delle misure e delle disposizioni applicabili per questa emergenza, coordinando la task force IAF creata appositamente per la gestione della pandemia.

Accredia è l’Ente unico nazionale di accreditamento designato dal Governo italiano. Il suo compito è attestare la competenza dei laboratori e degli organismi che verificano la conformità di prodotti, servizi e professionisti agli standard di riferimento, facilitandone la circolazione a livello internazionale.

Accredia è un’associazione privata senza scopo di lucro che opera sotto la vigilanza del Ministero dello Sviluppo Economico e svolge un’attività di interesse pubblico, a garanzia delle istituzioni, delle imprese e dei consumatori. 

Accredia ha 67 soci che rappresentano tutte le parti interessate alle attività di accreditamento e certificazione, tra cui 9 Ministeri (Sviluppo Economico, Ambiente, Difesa, Infrastrutture e Trasporti, Interno, Istruzione, Lavoro, Politiche Agricole, Salute), 7 Enti pubblici di rilievo nazionale, i 2 Enti di normazione nazionali, UNI e CEI, 13 organizzazioni imprenditoriali e del lavoro, le associazioni degli organismi di certificazione e ispezione e dei laboratori di prova e taratura accreditati, le associazioni dei consulenti e dei consumatori e le imprese fornitrici di servizi di pubblica utilità come Ferrovie dello Stato ed Enel. 

L’Ente è membro dei network comunitari e internazionali di accreditamento ed è firmatario dei relativi Accordi di mutuo riconoscimento, in virtù dei quali le prove di laboratorio e le certificazioni degli organismi accreditati da ACCREDIA sono riconosciute e accettate in Europa e nel mondo.